Giovedì, 18 Luglio 2019

Video della Parrocchia

50 Anni Insieme

Castelnuovo festeggia don Secondo

Visite dal 1 Sett. 2018

00082706
OggiOggi147
IeriIeri283
Nella settimanaNella settimana1089
Nel meseNel mese5931
TuttoTutto82706
Il Tuo Indirizzo IP è 3Dot81Dot73Dot233
UNITED STATES
US
Ospiti 70
Impostato nuovo primoaccesso

Contatore Accessi

Benvenuto!!
Hai visitato questo sito web volte
con inrizzo IP
. . .
Primo  accesso: 18/07/2019 12:03:08
Ultimo accesso: 18/07/2019 12:03:08

Cerca negli articoli

IL SINODO HA CHIUSO

Breve compendio del “Documento finale” del Sinodo

 GESU’ HA VOLUTO CHE LA SUA CHIESA FOSSE UNA CASA CON LA PORTA SEMPRE APERTA NELL'ACCOGLIENZA, SENZA ESCLUDERE NESSUNO”

speciale sinodo 2014l dibattito del Sinodo dei Vescovi “SULLA FAMIGLIA”si è sviluppato con "franchezza" e "coraggio", "senza mettere mai in discussione le verità fondamentali del Sacramento del Matrimonio: l'indissolubilità, l'unità, la fedeltà e la procreatività, cioè “l'apertura alla vita".
Lo ha detto il Papa nel discorso ai padri sinodali.
"Cristo ha voluto che la sua Chiesa fosse una casa con la porta sempre aperta nell'accoglienza, senza escludere nessuno. Siamo perciò - afferma il "messaggio" del Sinodo sulla famiglia, approvato dai padri sinodali - grati ai pastori, fedeli e comunità pronti ad accompagnare e a farsi carico delle lacerazioni interiori e sociali delle coppie e delle famiglie. Facciamo appello ai governi e alle organizzazioni internazionali di promuovere i diritti della famiglia per il bene comune".


"Non bisogna avere paura della dialettica, alla fine prevale la comunione "afferma il cardinale Angelo Scola, commentando i lavori del Sinodo sulla famiglia. L'arcivescovo di Milano ricorda la necessità di tenere uniti in un unico processo questo Sinodo straordinario e il Sinodo ordinario del 2015: "in caso contrario si rischia di non cogliere il significato dell'attuale assemblea sinodale", osserva. Il porporato afferma anche che "la vera rivoluzione da fare è quella di trasformare la famiglia da oggetto a soggetto della pastorale".
Il "messaggio", redatto dalla Commissione guidata dal cardinale Gianfranco Ravasi, è stato approvato dai padri sinodali, ed è uno dei due testi finali dell'assemblea, insieme alla "Relatio Synodi" - il vero e proprio documento conclusivo - che raccoglie gli esiti del dibattito. Il messaggio mette in luce "la grande sfida della fedeltà nell'amore coniugale. Indebolimento della fede e dei valori, individualismo, impoverimento delle relazioni, stress di una frenesia che ignora la riflessione segnano anche la vita familiare".
Si assiste, così, "a non poche crisi matrimoniali, affrontate spesso in modo sbrigativo e senza il coraggio della pazienza, della verifica, del perdono reciproco, della riconciliazione e anche del sacrificio". I fallimenti, viene sottolineato, "danno, così, origine a nuove relazioni, nuove coppie, nuove unioni e nuovi matrimoni, creando situazioni famigliari complesse e problematiche per la scelta cristiana".
Tra le "sfide" all'interno delle famiglie citate dal testo, quella delle malattie, delle "difficoltà economiche causate da sistemi perversi". Vengono ricordate le "famiglie povere", quelle "che s'aggrappano a una barca per raggiungere una meta di sopravvivenza", alle famiglie "profughe", quelle "perseguitate semplicemente per la loro fede. "Facciamo appello ai governi e alle organizzazioni internazionali di promuovere i diritti della famiglia per il bene comune", dicono i padri sinodali nel messaggio. "Cristo ha voluto che la sua Chiesa fosse una casa con la porta sempre aperta nell'accoglienza, senza escludere nessuno - viene aggiunto -. Siamo perciò grati ai pastori, fedeli e comunità pronti ad accompagnare e a farsi carico delle lacerazioni interiori e sociali delle coppie e delle famiglie".
Nella seconda parte del testo si sottolinea la luminosità del percorso dell'amore cristiano. dell'aiuto reciproco nelle famiglie, del percorso che inizia col fidanzamento, dell'amore che "tende per sua natura ad essere per sempre, fino a dare la vita per la persona che si ama", dell'amore coniugale "unico e indissolubile" che "persiste nonostante le tante difficoltà del limite umano"., della "fecondità e generatività".
"La famiglia si presenta quale autentica Chiesa domestica, che si allarga alla famiglia delle famiglie che è la comunità ecclesiale - sottolineano ancora i padri sinodali -. I coniugi cristiani sono poi chiamati a diventare maestri nella fede e nell'amore anche per le giovani coppie". Il messaggio si sofferma brevemente, alla fine, sull'importanza dell'Eucaristia domenicale come "vertice che raccoglie e riassume tutti i fili della comunione con Dio e col prossimo".
"Per questo - viene sottolineato -, nella prima tappa del nostro cammino sinodale, abbiamo riflettuto sull'accompagnamento pastorale e sull'accesso ai sacramenti dei divorziati risposati". L'invito dei padri sinodali, prima della preghiera finale, è a "camminare con noi verso il prossimo sinodo".

Rassegna vecchi articoli..

Questa sera, la tradizionale processione con l'immagine della Madonna...

Questa sera, la tradizionale processione con l'immagine della Madonna...

Questa sera, la tradizionale processione con l'immagine della Madonna...

Questa sera, sabato 25 Agosto 2018 alle ore 21,15 durante la annale PROCESSIONE, ci sarà “solo una Immagine Benedetta” della Madonna della Consolazione; un'immagine molto bella e antica, ma nell’intenzione nostra e nei nostri pensieri, sappiamo e ci sentiamo come se la Madonna in persona passasse tra noi". Ma la festa di questa sera avrà il suo “centro” nella S. Messa di domani (domenica). Ma quale...

Read more
Il Papa in Albania, lo Stato che voleva

Il Papa in Albania, lo Stato che voleva "uccidere" Dio - di Massimo...

Il Papa in Albania, lo Stato che voleva

Papa Francesco visita l'Albania a ventun anni dalla visita di san Giovanni Paolo II (1920-2005), che si recò nel Paese balcanico il 25 aprile 1993. In quell'occasione Papa Wojtyla celebrò la Messa nella cattedrale di Scutari, che il regime comunista aveva trasformato in un palasport, dove consacrò quattro vescovi, e in piazza Scanderberg a Tirana denunciò in termini fortissimi la persecuzione antireligiosa...

Read more
Celebriamo San Lino, il secondo papa, nato a Volterra

Celebriamo San Lino, il secondo papa, nato a Volterra

Celebriamo San Lino, il secondo papa, nato a Volterra

Dopo san Pietro c’è subito lui, Lino; secondo capo della Chiesa, primo Papa italiano, Toscano d’origine nato a Volterra. Il 24 settembre 1964 in San Pietro, Paolo VI, disse all’udienza generale: "Abbiamo con noi un gruppo di Volterra... La diocesi sorella... Sì, questo titolo le spetta, perché con San Lino ha dato alla Chiesa l’immediato successore di Pietro, il secondo papa". E nel 1989  San...

Read more
Orario delle Sante Messe
Video Parrocchia
Gli Scout a Poggi Lazzaro
50 anni insieme