Venerdì, 26 Aprile 2019

Video della Parrocchia

50 Anni Insieme

Castelnuovo festeggia don Secondo

Visite dal 1 Sett. 2018

00054157
OggiOggi16
IeriIeri158
Nella settimanaNella settimana1006
Nel meseNel mese8482
TuttoTutto54157
Il Tuo Indirizzo IP è 18Dot234Dot236Dot14
UNITED STATES
US
Ospiti 71
Impostato nuovo primoaccesso

Contatore Accessi

Benvenuto!!
Hai visitato questo sito web volte
con inrizzo IP
. . .
Primo  accesso: 26/04/2019 02:49:05
Ultimo accesso: 26/04/2019 02:49:05

Cerca negli articoli

Dio è come un papà

In un "mondo che si è spento e non riesce più a sollevare lo sguardo verso l'alto, verso Dio", è importante ricordare che "Dio è come un papà, che non si dimentica mai di noi in nessun momento". Lo ha detto Papa Francesco di fronte agli oltre 30mila fedeli giunti a piazza San Pietro per assistere all'udienza generale del mercoledì..... 

"Dio è la nostra forza, la nostra speranza. E la speranza di Dio non delude mai". Il Papa argentino, dunque, è tornato sulla figura del padre - già protagonista dell'omelia della sua messa di inaugurazione - compiendo in prima persona un gesto 'da padre'. Come è consuetudine, la jeep papale si è fermata di tanto in tanto e i gendarmi hanno passato alcuni bambini al Papa, che li ha baciati e accarezzati. Più complessa l'operazione con un bebè che, spaventato dallo spostamento, continuava a piangere e urlare. Il Papa gli ha infilato in bocca il ciuccio e lo ha accarezzato. 

 

Ancora una volta Bergoglio ha chiesto ai fedeli di mostrare "la gioia di essere figli di Dio", l'unico sentimento capace di "salvarci dalla schiavitù del male". Mostrare questa gioia, secondo Francesco, è un "servizio" che ci viene ancora più richiesto davanti ad un "mondo che si è spento e che non riesce più a sollevare lo sguardo verso Dio".
In Dio, ha detto Bergoglio parlando di nuovo a braccio, le nostre speranze non vanno mai deluse. "Dio ci perdona - ha aggiunto - ci ama anche quando sbagliamo. Se anche una madre si dimenticasse del figlio, Dio non si dimentica mai di noi". Ebbene, ha esortato Papa Francesco, "questa relazione filiale con Dio deve crescere e deve essere alimentata ogni giorno. Noi possiamo vivere da figli e questa è la nostra dignità". Certo, ha commentato il Papa, "la tentazione di lasciare Dio da parte per mettere al centro noi stessi è sempre alle porte, ma è solo comportandoci da figli di Dio e sentendoci amati che la nostra vita sarà nuova".

"Abbà", ha spiegato il Papa, è il nome del Dio cristiano, ed "è proprio lo spirito che abbiamo ricevuto nel battesimo che ci insegna e ci spinge a dire a Dio padre". "Meglio - ha aggiunto - Dio è papa, così è il nostro Dio, è un papà". "Lo Spirito Santo - ha detto - realizza in noi questa nuova condizione di figli di Dio e questo è il più grande dono che riceviamo dal mistero pasquale". Dio "ci predona, ci abbraccia, ci ama anche quando sbagliamo, e già nell'Antico testamento Isaia scriveva che se anche una madre si dimenticasse del figlio, Dio non si dimentica mai di noi, in nessun momento". E "questo è bello", ha commentato. "Questa relazione filiale con Dio non è come un tesoro che conserviamo in un angolo della nostra vita, ma deve crescere, deve essere alimentato" dai sacramenti e dalla carità.

Rassegna vecchi articoli..

Eliminare gli abusi durante lo scambio della pace

Eliminare gli abusi durante lo scambio della pace

Eliminare gli abusi durante lo scambio della pace

PAPA FRANCESCO APPROVA UNA LETTERA CIRCOLARE PER ELIMINARE GLI ABUSI DURANTE LO SCAMBIO DELLA PACE Abolito il canto per la pace (inesistente nel Rito romano); vietato lo spostamento dei fedeli dal loro posto per scambiarsi la pace; il sacerdote non può allontanarsi dall'altare (neppure a matrimoni e funerali); in alcuni casi lo scambio della pace deve essere omesso 1. LA PACE, DONO DEL RISORTO ALLA...

Read more
“È giusto diffidare: per un veggente vero ce ne sono 100 falsi”

“È giusto diffidare: per un veggente vero ce ne sono 100 falsi”

“È giusto diffidare: per un veggente vero ce ne sono 100 falsi”

Il Giornale, Mercoledì, 10 giugno 2015 Intervista a Massimo Introvigne, docente alla Pontificia università salesiana di Torino: “Anche i santi dicevano di parlare con la Madonna…”Sabrina Cottone «Anche i santi sono stati veggenti, ma per ogni vero veggente ce ne sono cento falsi» ricorda Massimo Introvigne, sociologo, professore alla Pontificia università salesiana di Torino, esperto di nuova religiosità.Il...

Read more
A messa coi cristiani perseguitati che non hanno perso la fede

A messa coi cristiani perseguitati che non hanno perso la fede

A messa coi cristiani perseguitati che non hanno perso la fede

 Dedichiamo questo piccolo tributo fotografico ai nostri fratelli cristiani perseguitati, che nonostante tutto ogni domenica hanno ancora la spinta per andare a messa. Un insegnamento per tutti noi, che viviamo la fede come un optional. Don Secondo   Il lungo tendone bianco dell’Unicef ospita centinaia di fedeli. Il vescovo siriaco di Mosul celebra la messa per la sua gente su un altare...

Read more
Orario delle Sante Messe
Video Parrocchia
Gli Scout a Poggi Lazzaro
50 anni insieme