Venerdì, 27 Gennaio 2023
A+ R A-

IMPARA A CONOSCERE LA TUA CHIESA

QUESTO ANGELO CHE REGGE IL VELO DELLA VERONICA COL VOLTO DI GESU’

Si trova nella nostra chiesa nella parte bassa della grande cornice del SS. Salvatore

Angelo Chiesa Parrocchiale

I MISTERI DEL “TELO” DELLA VERONICA

Ho sempre saputo che della “VERONICA” non ci sono notizie nei Vangeli e allora ho fatto delle “ricerche” che potete leggere qui di seguito;sono interessanti – don Secondo

Veronica, è il famoso personaggio che troviamo nella sesta stazione della Via Crucis, è pieno di misteri.

Si parla  di una donna che si fece strada tra i soldati romani che scortavano Gesù e asciugò con il suo velo il sudore e il sangue del volto di Cristo, che rimase impresso sul velo.

Questa immagine fedele di Gesù è una “vera icona” (Icona vuol dire “immagine”). Il nome Veronica significa proprio questo, “vera icona”, e sembra derivare dalla combinazione dell’aggettivo latino “vero” e del sostantivo greco “icona” (o “immagine)”, per indicare che quella è la “vera immagine” di Gesù, considerata non dipinta da mano umana. *** Questo “del nome” è un primo mistero.

*** Un altro mistero è il fatto che in realtà questa scena della Via Crucis non si trova descritta in nessuno dei quattro Vangeli, ma nasce da una tradizione antica, che è questa: dice che un giorno l’imperatore romano Tiberio venne colpito da una grave malattia. Avendo sentito dire che nella lontana provincia dell’Impero, in Palestina c’era un grande “guaritore” di nome Gesù, ordinò al suo messaggero di nome Volusiano di andare a cercarlo a Gerusalemme, ma Volusiano arrivò in Palestina quando era ormai troppo tardi: Gesù era stato crocifisso!

 Volusiano, però, non voleva tornare da Tiberio a mani vuote, temendo l’ira dell’Imperatore. Si mise allora alla ricerca dei seguaci di Gesù, per ottenere almeno un “ricordo” del maestro. Trovò così una donna di nome Veronica, che ammise di aver conosciuto Gesù e gli raccontò una storia prodigiosa. Volusiano chiese immediatamente a Veronica quel ritratto, e lei acconsentì a portarlo a Tiberio di persona. L’imperatore, non appena fu alla presenza del “telo” sacro, guarì all’istante. Da quel momento, la famosa reliquia rimase a Roma.

*** Ed ecco il terzo mistero: “Dove si trova il velo della Veronica?”

Seguendo la tradizione di Velusiano di cui si è parlato, si dice che il velo giunse a Roma all’epoca dell’imperatore Tiberio, e ciò è dimostrato da un’iscrizione che si può ancora leggere sui resti di uno scrigno di legno, conservato al Pantheon, in cui si dice che Veronica stessa lo portò dalla Palestina: “In ista capsa fuit portatum Sudarium passionis Domini Nostri Jesu Christi Hierosolymis Tiberio Augusto” (=In questa cassa venne portato da Gerusalemme, per Tiberio Augusto, il Sudario della passione di Nostro Signore Gesù Cristo).

Quando venne costruita la nuova basilica di San Pietro, la reliquia della Veronica fu fatta trasferire da Papa Urbano VIII in una delle quattro cappelle nei pilastri che sostengono la cupola, in cui si custodivano le reliquie più preziose. Infatti in un pilastro si trova una statua che rappresenta Veronica, con la seguente iscrizione: “Urbano VIII Pontefice Massimo aggiunse una statua di marmo e un altare, edificò e ornò una cappella perché la maestà del luogo custodisse adeguatamente l’immagine del Salvatore impressa nel sudario della Veronica”. ***Secondo un’altra “STORIA”, il velo con il “Santo Volto” si troverebbe a Manoppello (Pescara).

(Fonte: www.aleteia.org)

Rassegna vecchi articoli..

Importante Messaggio del vescovo Alberto Silvani

Importante Messaggio del vescovo Alberto Silvani

Importante Messaggio del vescovo Alberto Silvani

1.    Le vicende di queste due ultime settimane ci toccano tutti da vicino e ci pongono alcuni interrogativi riguardo alla comprensione e al comportamento. Propongo qui alcune considerazioni e premetto un invito alla calma, alla fiducia, alla preghiera più intensa; ringrazio tutti gli operatori che in diversi modi si prendono cura degli ammalati e si adoperano per limitare il contagio....

Read more
Il Papa in Albania, lo Stato che voleva

Il Papa in Albania, lo Stato che voleva "uccidere" Dio - di Massimo...

Il Papa in Albania, lo Stato che voleva

Papa Francesco visita l'Albania a ventun anni dalla visita di san Giovanni Paolo II (1920-2005), che si recò nel Paese balcanico il 25 aprile 1993. In quell'occasione Papa Wojtyla celebrò la Messa nella cattedrale di Scutari, che il regime comunista aveva trasformato in un palasport, dove consacrò quattro vescovi, e in piazza Scanderberg a Tirana denunciò in termini fortissimi la persecuzione antireligiosa...

Read more
La crisi della Chiesa, il bisogno della santità. Di Mons. Luigi Negri...

La crisi della Chiesa, il bisogno della santità. Di Mons. Luigi Negri...

La crisi della Chiesa, il bisogno della santità. Di Mons. Luigi Negri...

La Chiesa si vive. Dobbiamo partire da questa certezza per comprendere il momento che la Chiesa e la società stanno vivendo. Della Chiesa non si parla come di un oggetto a partire dalle proprie presupposizioni di carattere ideologico, culturale, filosofico o altro. La Chiesa si vive. Per la Chiesa si soffre, per la Chiesa si gioisce, soprattutto si tenta di dare il nostro apporto significativo e creativo.   Ebbene,...

Read more

Visite dal 1 Sett. 2018

00392546
OggiOggi129
IeriIeri295
Nella settimanaNella settimana1014
Nel meseNel mese5649
TuttoTutto392546
Il Tuo Indirizzo IP è 3Dot236Dot70Dot233
UNITED STATES
US
Ospiti 8
Impostato nuovo primoaccesso

Contatore Accessi

Benvenuto!!
Hai visitato questo sito web volte
con inrizzo IP
. . .
Primo  accesso: 27/01/2023 22:00:25
Ultimo accesso: 27/01/2023 22:00:25

Orario delle Sante Messe
Video Parrocchia
Gli Scout a Poggi Lazzaro
50 anni insieme