Lunedì, 26 Agosto 2019

Video della Parrocchia

50 Anni Insieme

Castelnuovo festeggia don Secondo

Visite dal 1 Sett. 2018

00095263
OggiOggi28
IeriIeri341
Nella settimanaNella settimana28
Nel meseNel mese8193
TuttoTutto95263
Il Tuo Indirizzo IP è 18Dot206Dot13Dot39
UNITED STATES
US
Ospiti 64
Impostato nuovo primoaccesso

Contatore Accessi

Benvenuto!!
Hai visitato questo sito web volte
con inrizzo IP
. . .
Primo  accesso: 26/08/2019 01:44:35
Ultimo accesso: 26/08/2019 01:44:35

Cerca negli articoli

A messa coi cristiani perseguitati che non hanno perso la fede

 Dedichiamo questo piccolo tributo fotografico ai nostri fratelli cristiani perseguitati, che nonostante tutto ogni domenica hanno ancora la spinta per andare a messa.

Un insegnamento per tutti noi, che viviamo la fede come un optional.

Don Secondo

Cristiani Perseguitati 320x180

 

Il lungo tendone bianco dell’Unicef ospita centinaia di fedeli. Il vescovo siriaco di Mosul celebra la messa per la sua gente su un altare improvvisato.

Alle spalle un piccolo crocefisso con Gesù che sanguina, come il popolo cristiano dell’Iraq. In 120mila sono scappati dalle loro case davanti all’avanzata dello Stato islamico. E adesso vivono come un popolo in fuga nel Kurdistan in condizioni estremamente precarie.

 

Alcuni sono ancora sotto le tende nonostante l’arrivo della prima neve. Altri sono piazzati come bestie in strutture fatiscente dentro dei moduli abitativi che assomigliano a dei loculi. Però non hanno perso la fede. Anzi si aggrappano disperatamente alle preghiere, anche se sono scappati in ciabatte e non possiedono più nulla. Ed ogni domenica si ritrovano sotto il tendone che fa da chiesa improvvisata per assistere alla messa. Le madri con i bambini piccoli in braccio, gli anziani che snocciolano il rosario ed i giovani che hanno fatto da poco la comunione. Sguardi tristi, ma fieri di chi affronta il calvario con dignità e non ha perso la speranza di tornare un giorno nelle proprie case strappate via del Califfo o di rifarsi una vita all’estero sempre facendosi il segno della croce.

Per questo dedichiamo questo piccolo tributo fotografico ai nostri fratelli cristiani perseguitati, che nonostante tutto ogni domenica hanno ancora la spinta per andare a messa. Un insegnamento per tutti noi, che viviamo la fede come un optional.

Rassegna vecchi articoli..

UNA SITUAZIONE ALLARMANTE E PARADOSSALE

UNA SITUAZIONE ALLARMANTE E PARADOSSALE

UNA SITUAZIONE ALLARMANTE E PARADOSSALE

Nei giorni scorsi è avvenuta la disgraziata approvazione del nuovo testo “unificato” sulle unioni civili a firma della senatrice Cirinnà del PD, che rischia di aprire le porte dell’ordinamento giuridico ad un modello di regolazione delle unioni omosessuali sostanzialmente equiparato al regime del matrimonio. La senatrice Cirinnà ha definito quel suo innaturale e socialmente devastante progetto, «un...

Read more
Ancora una settimana e poi le Cresime ....

Ancora una settimana e poi le Cresime ....

Ancora una settimana e poi le Cresime ....

Che cosa dire a questo punto?  Io qui su “Famiglia Parrocchiale” e la Catechista nei suoi “incontri” con i Cresimandi, probabilmente abbiamo detto tutto quello che ci sembrava necessario per la preparazione a questo Sacramento, ma una cosa mi sento di dire ancora, questa. LA CRESIMA SI RICEVE PER VIVERLA Se quello che s’impara a scuola o al catechismo non diventa “valore” e “regola” della nostra...

Read more
IN MEMORIA DI SUOR CECILIA

IN MEMORIA DI SUOR CECILIA

IN MEMORIA DI SUOR CECILIA

". . .  voglio ricordare, questa carissima sorella dal volto buono, dagli occhi e dal sorriso amabili . . . ." di Don Secondo Macelloni Sinceramente provo molta difficoltà a scrivere che mia sorella Suor Cecilia è morta!!! Purtroppo è così, è vero! Tuttavia“in questa pagina” devo e voglio parlare un poco di lei, pensando che farà piacere anche a voi che la conoscevate. E poi ne sento anche il bisogno!......

Read more
Orario delle Sante Messe
Video Parrocchia
Gli Scout a Poggi Lazzaro
50 anni insieme