Giovedì, 13 Dicembre 2018

Che Gesù, in questi giorni del Suo Natale, possa “nascere o rinascere” in me, in te e nelle nostre famiglie. Questa “nuova nascita” di Gesù possa avvenire nel Sacramento della Confessione, e nella Santa Comunione, cioè nel rifare “pace” con Dio; possa avvenire nel riscoprire il valore del Vangelo e della Domenica, festa cristiana e Pasqua settimanale; e possa avvenire anche nel rifare “pace”con tutti…. Diventi così, questo Natale, fonte di autentica speranza cristiana e di rinnovamento della nostra appartenenza alla Chiesa, famiglia dei figli di Dio. Don Secondo

Video della Parrocchia

50 Anni Insieme

Castelnuovo festeggia don Secondo

Contatore Visite dal 1 Sett. 2018

00009686
OggiOggi83
IeriIeri294
Nella settimanaNella settimana818
Nel meseNel mese2375
TuttoTutto9686
Il Tuo Indirizzo IP è 3Dot80Dot218Dot53
UNITED STATES
US
Ospiti 43

Cerca negli articoli

Impostato nuovo primoaccesso

Contatore Accessi

Benvenuto!!
Hai visitato questo sito web volte
con inrizzo IP
. . .
Primo  accesso: 13/12/2018 08:31:13
Ultimo accesso: 13/12/2018 08:31:13

Dio è come un papà

In un "mondo che si è spento e non riesce più a sollevare lo sguardo verso l'alto, verso Dio", è importante ricordare che "Dio è come un papà, che non si dimentica mai di noi in nessun momento". Lo ha detto Papa Francesco di fronte agli oltre 30mila fedeli giunti a piazza San Pietro per assistere all'udienza generale del mercoledì..... 

"Dio è la nostra forza, la nostra speranza. E la speranza di Dio non delude mai". Il Papa argentino, dunque, è tornato sulla figura del padre - già protagonista dell'omelia della sua messa di inaugurazione - compiendo in prima persona un gesto 'da padre'. Come è consuetudine, la jeep papale si è fermata di tanto in tanto e i gendarmi hanno passato alcuni bambini al Papa, che li ha baciati e accarezzati. Più complessa l'operazione con un bebè che, spaventato dallo spostamento, continuava a piangere e urlare. Il Papa gli ha infilato in bocca il ciuccio e lo ha accarezzato. 

 

Ancora una volta Bergoglio ha chiesto ai fedeli di mostrare "la gioia di essere figli di Dio", l'unico sentimento capace di "salvarci dalla schiavitù del male". Mostrare questa gioia, secondo Francesco, è un "servizio" che ci viene ancora più richiesto davanti ad un "mondo che si è spento e che non riesce più a sollevare lo sguardo verso Dio".
In Dio, ha detto Bergoglio parlando di nuovo a braccio, le nostre speranze non vanno mai deluse. "Dio ci perdona - ha aggiunto - ci ama anche quando sbagliamo. Se anche una madre si dimenticasse del figlio, Dio non si dimentica mai di noi". Ebbene, ha esortato Papa Francesco, "questa relazione filiale con Dio deve crescere e deve essere alimentata ogni giorno. Noi possiamo vivere da figli e questa è la nostra dignità". Certo, ha commentato il Papa, "la tentazione di lasciare Dio da parte per mettere al centro noi stessi è sempre alle porte, ma è solo comportandoci da figli di Dio e sentendoci amati che la nostra vita sarà nuova".

"Abbà", ha spiegato il Papa, è il nome del Dio cristiano, ed "è proprio lo spirito che abbiamo ricevuto nel battesimo che ci insegna e ci spinge a dire a Dio padre". "Meglio - ha aggiunto - Dio è papa, così è il nostro Dio, è un papà". "Lo Spirito Santo - ha detto - realizza in noi questa nuova condizione di figli di Dio e questo è il più grande dono che riceviamo dal mistero pasquale". Dio "ci predona, ci abbraccia, ci ama anche quando sbagliamo, e già nell'Antico testamento Isaia scriveva che se anche una madre si dimenticasse del figlio, Dio non si dimentica mai di noi, in nessun momento". E "questo è bello", ha commentato. "Questa relazione filiale con Dio non è come un tesoro che conserviamo in un angolo della nostra vita, ma deve crescere, deve essere alimentato" dai sacramenti e dalla carità.

Rassegna vecchi articoli..

LA SETTIMANA SANTA NELLA NOSTRA PARROCCHIA

LA SETTIMANA SANTA NELLA NOSTRA PARROCCHIA

LA SETTIMANA SANTA NELLA NOSTRA PARROCCHIA

 Siamo ormai giunti alla Settimana Santa, conclusione del cammino quaresimale. Oggi, 28 MARZO, inizia la SETTIMANA SANTA con la DOMENICA DELLE PALME e giovedì entreremo nel Triduo Pasquale, i tre giorni santi in cui la Chiesa fa memoria del mistero della passione, morte e risurrezione di Gesù: Giovedì Santo, Venerdì Santo e Sabato Santo. - Cercheremo di vivere questi giorni nel raccoglimento e nella...

Read more
La

La "porta murata"

La

Dopo la aver  parlato della “Porta Santa” sempre aperta, voglio dire qualcosa sulla ”porta della nostra chiesa” sempre chiusa, anzi “murata”, o se è “vera o finta”. Varie persone e in più occasioni mi hanno chiesto notizie su questa “strana cosa”. Infatti viene davvero da chiedersi se la  facciata della nostra chiesa sia nata così, con tre porte ma una destinata a rimanere  sempre...

Read more
Papa Francesco apre la chiesa di San Calisto a Roma per accogliere...

Papa Francesco apre la chiesa di San Calisto a Roma per accogliere...

Papa Francesco apre la chiesa di San Calisto a Roma per accogliere...

Da sabato 7 gennaio 2017, all'interno della chiesa di San Calisto, di proprietà del Vaticano ma che si trova a Roma, in zona Trastevere, sono ospitati circa 30 clochard, che possono in questa maniera ripararsi dal freddo. È solo l'ultima iniziativa di papa Bergoglio in favore dei senzatetto.

Read more
Orario delle Sante Messe
Video Parrocchia
Gli Scout a Poggi Lazzaro
50 anni insieme