Lunedì, 16 Settembre 2019

Video della Parrocchia

50 Anni Insieme

Castelnuovo festeggia don Secondo

Visite dal 1 Sett. 2018

00101662
OggiOggi198
IeriIeri269
Nella settimanaNella settimana198
Nel meseNel mese4636
TuttoTutto101662
Il Tuo Indirizzo IP è 100Dot26Dot182Dot28
?
UNKNOWN
Ospiti 13
Impostato nuovo primoaccesso

Contatore Accessi

Benvenuto!!
Hai visitato questo sito web volte
con inrizzo IP
. . .
Primo  accesso: 16/09/2019 17:03:33
Ultimo accesso: 16/09/2019 17:03:33

Cerca negli articoli

Don Secondo: il mio ’68, cinquant'anni fa…

1968Il “1968”?... No, non voglio parlare di quello che fu il "1968” per la società di allora non solo in Italia ma in tutta Europa: per dire qualcosa ricordo che fu il tempo in cui si contestava. Fu il tempo in cui a scuola bisognava promuovere tutti con “il 6 o il 18 politico”; fu il tempo della grande contestazione “dappertutto”, nella famiglia, nella scuola, nelle piazze e anche nella Chiesa.

Non voglio parlare di tutto questo, ma di quello che avvenne nella mia vita proprio di questi tempi: uno sconvolgimento generale. A Cecina avevo terminato con tanti giovai le attività estive, avevo ricominciato l’insegnamento alla Scuola Media e alla Scuola Magistrale, i miei impegni in Parrocchia, non mi ricordo bene, ma nella prima quindicina di ottobre il Vescovo Mons. Marino Bergonzini mi chiamò a Volterra e mi disse che desiderava che io andassi a fare il Parroco a Castelnuovo Val di Cecina. Non posso descrivere il mio stato d’animo.

 

L’Arciprete di Cecina Mons. Luigi Paoli che era stato parroco di Sasso Pisano e poi per molti anno di Pomarance, e che quindi  conosceva molto bene Castelnuovo, pur molto dispiaciuto di ”dovermi perdere”, mi incoraggiò dicendomi che Castelnuovo era un bel Paese. Il Vescovo mi aveva descritto la “situazione” della Parrocchia, non mi aveva detto niente di quella della Canonica e della Chiesa. Dopo alcuni giorni confermai al Vescovo il mio “si.

Fu davvero uno vero sconvolgimento per me, per tanti “miei ragazzi”, per le varie iniziative in cui ero coinvolto e lasciare tutto; e lo fu anche peri i miei Genitori, al pensiero di doversi trasferire e di cominciare una nuova vita.

Il 4 Novembre 1968 (proprio come oggi!) l’Arciprete di Cecina con la sua auto accompagnò me e i miei Genitori a Castelnuovo, per vedere almeno la casa dove avremmo dovuto abitare. Quando giungemmo al Paese, andammo alla Canonica ma non c’era nessuno: Don Stanislao, il mio predecessore, da tempo era a Firenze. l cappellano don Pucci era andato Parroco a Montefoscoli. Il giovane sacerdote che era stato mandato in attesa della mia venuta (don Piero Burlacchini), mi dissero, che doveva essere al pranzo dei Combattenti. Una persona che passò e ci vide lì davanti alla casa Canonica ,andò a chiamare un signore (penso che sia stato Ciro Panichi) il quale ci aprì la porta: entrammo, guardammo, osservammo, e ci prese una grande tristezza. Di fronte alla “situazione” in cui era la casa ci vennero tanti pensieri e alla mia mamma vennero le lacrime. Com’era la chiesa non la vedemmo e nessuno ce la fece vedere. Poi tornammo a Cecina. In seguito i miei Genitori, aiutati da alcuni parenti vennero a Castelnuovo a lavorare e a sistemare la casa,alla meglio, nel miglior modo che allora era possibile per poterci abitare. Poco più di un mese dopo, iniziò la mia “avventura…. Era il 4 Novembre, come oggi.              

don Secondo

Fonte: Famiglia Parrocchiale 2556

Rassegna vecchi articoli..

Il Papa indice un Anno Santo della Misericordia

Il Papa indice un Anno Santo della Misericordia

Il Papa indice un Anno Santo della Misericordia

Il 13 marzo 2015 a sorpresa Papa Francesco ha annunciato un Giubileo, un Anno Santo straordinario consacrato alla misericordia che inizierà l’8 dicembre 2015 e finirà il 20 novembre 2016. In realtà, tutti i Giubilei hanno al centro la misericordia, da quelli antichi degli Ebrei che ogni cinquant’anni lasciavano riposare la terra, condonavano i debiti e liberavano gli schiavi a quelli moderni introdotti...

Read more
Mons. Negri: Perché siamo grati a Pietro Fiordelli,..

Mons. Negri: Perché siamo grati a Pietro Fiordelli,..

Mons. Negri: Perché siamo grati a Pietro Fiordelli,..

Sono lieto di poter dare un contributo, sia pur limitato, a questo ottimo volume nel quale si esprime il dovere di profonda gratitudine che le comunità ecclesiali italiane dovrebbero avere per mons. Pietro Fiordelli (1916-2004), vescovo di Prato dal 1954 al 1991, e per ristabilire, come di fatto viene ristabilita, la verità della sua straordinaria esperienza ecclesiale e pastorale. Inizio con un...

Read more
Celebriamo San Lino, il secondo papa, nato a Volterra

Celebriamo San Lino, il secondo papa, nato a Volterra

Celebriamo San Lino, il secondo papa, nato a Volterra

Dopo san Pietro c’è subito lui, Lino; secondo capo della Chiesa, primo Papa italiano, Toscano d’origine nato a Volterra. Il 24 settembre 1964 in San Pietro, Paolo VI, disse all’udienza generale: "Abbiamo con noi un gruppo di Volterra... La diocesi sorella... Sì, questo titolo le spetta, perché con San Lino ha dato alla Chiesa l’immediato successore di Pietro, il secondo papa". E nel 1989  San...

Read more
Orario delle Sante Messe
Video Parrocchia
Gli Scout a Poggi Lazzaro
50 anni insieme