Sabato, 19 Settembre 2020

Video della Parrocchia

50 Anni Insieme

Castelnuovo festeggia don Secondo

Visite dal 1 Sett. 2018

00218169
OggiOggi87
IeriIeri296
Nella settimanaNella settimana1673
Nel meseNel mese5644
TuttoTutto218169
Il Tuo Indirizzo IP è 75Dot101Dot220Dot230
UNITED STATES
US
Ospiti 9
Impostato nuovo primoaccesso

Contatore Accessi

Benvenuto!!
Hai visitato questo sito web volte
con inrizzo IP
. . .
Primo  accesso: 19/09/2020 05:29:56
Ultimo accesso: 19/09/2020 05:29:56

Cerca negli articoli

PER QUALI MOTIVI NOI ITALIANI NON DOVREMMO FESTEGGIARE IL NATALE NEI LUOGHI PUBBLICI?

2016PresepioVivente


Anche quest’anno, con l’avvicinarsi delle feste natalizie, è tornata la polemica sui presepi nei luoghi pubblici, soprattutto nelle scuole. Si sono verificati molti casi di sospensione di questa tradizione, ove fosse ancora presente, insieme con la sospensione di canti religiosi ispirati alla Natività.

Non è il caso di stupirci tanto che la lotta contro tutto ciò che sa di religioso, soprattutto di Religione Cattolica, si fermasse di fronte alle statuine di un Presepio! La società attuale ha preso da tempo un atteggiamento di lotta contro la religione, non solo cercando di impedirle ogni pubblica manifestazione e presenza, ma creando un mondo in cui Dio sia difficile da trovare e soprattutto da “vedere”.


La presenza di persone di altre religioni che rimarrebbero offese dalle manifestazioni del Natale, é quasi sempre un pretesto di alcuni che conosciamo bene da tempo: Mi domando sinceramente perché ci si ostina a contrapporre il Natale, o più in generale le feste cristiane, alle altre religioni. Perché, in altri termini, l’una debba escludere l’altra.
E per quale motivo, la celebrazione della nascita di Cristo dovrebbe offendere chi non crede in lui o non crede affatto. Al massimo, una festa religiosa (di un’altra religione) dovrebbe lasciare indifferente.......
Ma ecco che spuntano le solite ragioni “laiciste”,e ideologie politiche che iniziano a porre in dubbio il diritto della maggioranza degli italiani di festeggiarlo e di rinnovare la propria identità cristiana, con la “scusa” che altrimenti si offende chi non è cristiano e chi non festeggia. Ammesso che sia anche così, dove starebbe il problema?
Chi si sente offeso, non partecipa. Se ne resta in disparte. Così, semplicemente e con rispetto! ...... Per quale motivo, gli altri, che poi sarebbero la maggioranza, dovrebbero rinunciarvi? Per quale assurda logica, in una scuola, gli alunni non dovrebbero celebrare una festa della loro tradizione, che li distingue come popolo, come identità e cultura, in nome di vecchie e stantie ideologie o di un supposto quanto artificioso laicismo ?
Chi sceglie di venire in Italia, musulmano, ebreo o buddista che sia, è pienamente consapevole che si troverà in una società e in una cultura, e di fronte a una fede e a tradizioni diverse dalle proprie. Sarebbe dunque opportuno e ottimale che l’immigrato imparasse, magari, a farle proprie, senza per sentirsi pienamente parte della società in cui ha scelto di vivere. E’ da questa regola, che nasce l’integrazione e la pacifica convivenza fra le diverse culture e religioni.
PER QUANTO RIGUARDA CERTI.... INSEGNANTI
Tutti costoro dovrebbero, spiegare ai bambini e agli alunni perché per 15 giorni non ci si reca più a scuola, cioè far comprendere perché è vacanza e perché lo è per tutti, anche per chi non crede o crede in qualcos’altro.
E POI: nella qualità di insegnanti dovrebbero anche spiegare ai propri giovani perché si chiama Natale, e cioè che si tratta dei festeggiamenti legati alla nascita di Qualcuno di nome GESU’ CRISTO Don Secondo

Rassegna vecchi articoli..

La fedeltà al tempo della Cirinnà

La fedeltà al tempo della Cirinnà

La fedeltà al tempo della Cirinnà

di Giuseppe Brienza (La Croce Quaotidiano) Verso l’addio all’obbligo di fedeltà anche nel matrimonio? Avanza il disegno di legge che mira a sopprimere parte dell’articolo 143 del Codice civile: «visione ormai superata e vetusta del matrimonio», decanta la prima firmataria del ddl, l’On. Laura Cantini (Pd). La “legge della vergogna”, insomma, come ampiamente prevedevamo, detta la linea del matrimonio...

Read more
Per annientare una persona basta ignorarla oppure offenderla

Per annientare una persona basta ignorarla oppure offenderla

Per annientare una persona basta ignorarla oppure offenderla

 Papa Francesco: 5° comandamento: Non Uccidere "Il disprezzo è una forma di uccidere qualcuno” Lo ha detto papa Il Papa nella catechesi di mercoledì scorso ha commentato ancora il Quinto Comandamento  NON UCCIDERE! Il Papa ha citato la prima Lettera di Giovanni, per il quale "Chiunque odia il proprio fratello è omicida". L'indifferenza uccide. È come dire all'altra persona: tu sei un morto...

Read more
”DIO E NOSTRO PADRE”

”DIO E NOSTRO PADRE”

”DIO E NOSTRO PADRE”

Fonte: Famiglia Parrocchiale Nr. 2483 Il Papa, mercoledì scorso all’udienza in Piazza san Pietro ha parlato di Dio che è nostro Padre, commentando la preghiera del “Padre nostro” e ha ricordando la parabola del “Padre misericordioso”«Nella preghiera di Gesù– ha detto papa Francesco - c'era qualcosa di talmente affascinante che i discepoli gli chiesero: “Maestro, insegnaci a pregare”. Così Gesù...

Read more
Orario delle Sante Messe
Video Parrocchia
Gli Scout a Poggi Lazzaro
50 anni insieme