Lunedì, 16 Dicembre 2019

Che Gesù, in questi giorni del Suo Natale, possa “nascere o rinascere” in me, in te e nelle nostre famiglie. Questa “nuova nascita” di Gesù possa avvenire nel Sacramento della Confessione, e nella Santa Comunione, cioè nel rifare “pace” con Dio; possa avvenire nel riscoprire il valore del Vangelo e della Domenica, festa cristiana e Pasqua settimanale; e possa avvenire anche nel rifare “pace”con tutti…. Diventi così, questo Natale, fonte di autentica speranza cristiana e di rinnovamento della nostra appartenenza alla Chiesa, famiglia dei figli di Dio. Don Secondo

Video della Parrocchia

50 Anni Insieme

Castelnuovo festeggia don Secondo

Visite dal 1 Sett. 2018

00129834
OggiOggi176
IeriIeri255
Nella settimanaNella settimana176
Nel meseNel mese5759
TuttoTutto129834
Il Tuo Indirizzo IP è 3Dot234Dot214Dot113
UNITED STATES
US
Ospiti 34
Impostato nuovo primoaccesso

Contatore Accessi

Benvenuto!!
Hai visitato questo sito web volte
con inrizzo IP
. . .
Primo  accesso: 16/12/2019 07:10:40
Ultimo accesso: 16/12/2019 07:10:40

Cerca negli articoli

«Laudato si’, mi’ Signore...»

di Don Secondo Macelloni: Famiglia Parrocchiale Nr. 2379 del 21/06/2015

LaudatoSiEnciclica Laudato Si'
IL FATTO DELLA SETTIMANA è stato: la nuova “Enciclica” di Papa Francesco, intitolata “Laudato si’”. Essa prende nome dal “Cantico delle creature” di san Francesco, un inno a Dio e alla fratellanza tra l'uomo e il creato, segno dell'amore di Dio: "Laudato si', mi' Signore, per sora nostra madre terra…". 
Il Cantico delle Creature o Cantico di frate Sole è anche un inno alla vita, ed è una preghiera che parla della bellezza della natura, in cui si riflette l’immagine del Creatore.

Il Cantico è una lode dolcissima a Dio, fatta attraverso le Sue Creature: il sole, la luna, le stelle, il vento, l’acqua, il fuoco, la terra. Questo è un argomento che è stato particolarmente familiare a Papa Francesco e che raccomandò fin dall’inizio del suo pontificato: di "avere rispetto per ogni creatura di Dio e per l’ambiente in cui viviamo, compito che non riguarda solamente noi cristiani" ma ha una dimensione che riguarda tutti. Sull’esempio di san Francesco, ognuno di noi deve impegnarsi a rispettare e custodire la natura, che è madre e sorella e che abbiamo ricevuto in dono da Dio per la nostra vita presente, e per consegnarla alle future generazioni.
L’Enciclica( =lettera) è un importante documento ufficiale del Papa, e non è come uno dei tanti discorsi, pur essi importanti, che il Papa fa nelle varie situazioni o nelle catechesi in Piazza San Pietro: tuttavia gli argomenti di questa enciclica, sui quali il Papa ha chiesto “aiuto e luce” anche ad esperti di sua fiducia e di fama mondiale, non riguardano la Fede e quindi essi non godono del privilegio della “infallibilità”.

L’Enciclica: affronta tantissimi argomenti umani, e dà “al mondo”, (per la risonanza “mondiale” che ha questo documento), suggerimenti e soluzioni secondo lo spirito del Vangelo. -
E’ un documento talmente ampio che è assolutamente impossibile affrontare compiutamente in questo “piccolo Notiziario” che è “Famiglia Parrocchiale”; ne daremo solo un piccolo “riassunto” o “sintesi”, capace di soddisfare le mie buone intenzioni.
Ho sentito dire in un telegiornale che l’Enciclica “parla un po’ di tutto”! Per questo faccio solo degli “accenni ad alcuni temi . Prossimamente cercherò di riferire di altri argomenti contenuti nell’Enciclica don Secondo
«Laudato si’ mi Signore per sora nostra madre terra»
La Terra, «casa comune», ricorda il Papa, «è anche come una sorella con la quale condividiamo l’esistenza, e come una madre bella che ci accoglie tra le sue braccia».

Don Secondo Macelloni

Tratto da Famiglia Parrocchiale Nr. 2379 del 21/06/2015

L’Enciclica “Laudato si’”, composta da 192 pagine, sei capitoli, e due preghiere per chiedere «che tipo di mondo vogliamo trasmettere a coloro che verranno dopo di noi, ai bambini che stanno crescendo».
Papa Francesco non parte da zero. Riprende le parole dei suoi predecessori. E’ il grido di allarme che da tempo mette in guardia dallo sfruttamento inconsiderato delle risorse, da una politica miope che guarda al successo immediato senza prospettive a lungo termine, dall’egoismo delle società consumistiche che stentano a cambiare i propri stili di vita. Ricorda che la cura del creato è impegno di tutti, credenti e non credenti. E ripropone anche l’impegno ecumenico (=l’unità fra i cristiani) citando ampiamente, sul tema ambientale, il pensiero del patriarca ortodosso Bartolomeo.
Nell’Enciclica Laudato si’ c’è il grido di allarme di papa Francesco per la distruzione del pianeta commessa dall’uomo. Egli afferma, poi, che il diritto alla proprietà privata non è “assoluto o intoccabile”, ribadisce il no alla teoria del gender e all’aborto, mette in guarda il mondo dal pericolo di una guerra chimica o nucleare, analizza il cambiamento climatico e attacca la Conferenza delle Nazioni Unite che “ha emesso solo un’ampia quanto inefficace dichiarazione finale” sulla riduzione del gas serra; chiede la soluzione del debito estero, e punta il dito contro “il salvataggio a ogni costo delle banche, facendo pagare il prezzo alla popolazione” e contrasta il dominio assoluto della finanza. E molto altro ancora……

fp Scarica il Nr. 2379 di Famiglia Parrocchiale

Rassegna vecchi articoli..

CRESIME 2017: UN GIORNO ASSAI IMPORTANTE

CRESIME 2017: UN GIORNO ASSAI IMPORTANTE

CRESIME 2017: UN GIORNO ASSAI IMPORTANTE

Cresimandi 2017: Bereket, Luigi, Duccio, Valentina, Lorenzo, Emma, Sara   Domenica 8 Ottobre 2017, giorno delle Cresime, è un giorno molto importante perché c’è fra noi il Vescovo, successore degli Apostoli e anche lo Spirito Santo con la Cresima a un gruppo di nostri ragazzi e rinnova e risveglia la “grazia” di quel Sacramento in tutti noi. Che cos’è la Cresima? La Cresima, dopo la consacrazione...

Read more
GRIDATELO DAI TETTI

GRIDATELO DAI TETTI

GRIDATELO DAI TETTI

”Quello che vi dico nelle tenebre,ditelo nella luce, e quello che ascoltate all'orecchio gridatelo dai tetti” Io sono stato sempre impressionato da queste parole di Gesù. E, dopo 2000 anni guardo ai tetti delle nostre case con tante antenne, terrestri e satellitari. che inviano e ricevono messaggi di ogni tipo e mi sembra di capire che quelle parole di Gesù vogliano dire che oggi dobbiamo trasmettere...

Read more
Habemus Papam

Habemus Papam

Habemus Papam

Habemus Papam: è l’argentino Jorge Bergoglio. Alle 19,06 di mercoledì 13 marzo 2013, in sole 24 ore, la Chiesa Cattaloca ha scelto un papa che viene dall'Argentina ed è figlio di un ferroviere piemontese. Persona umile e semplice, ha preso il nome di Francesco.

Read more
Orario delle Sante Messe
Video Parrocchia
Gli Scout a Poggi Lazzaro
50 anni insieme