Giovedì, 21 Febbraio 2019

Video della Parrocchia

50 Anni Insieme

Castelnuovo festeggia don Secondo

Visite dal 1 Sett. 2018

00029043
OggiOggi280
IeriIeri317
Nella settimanaNella settimana1462
Nel meseNel mese8153
TuttoTutto29043
Il Tuo Indirizzo IP è 3Dot82Dot52Dot91
UNITED STATES
US
Ospiti 14
Impostato nuovo primoaccesso

Contatore Accessi

Benvenuto!!
Hai visitato questo sito web volte
con inrizzo IP
. . .
Primo  accesso: 21/02/2019 21:56:36
Ultimo accesso: 21/02/2019 21:56:36

Cerca negli articoli

LA SETTIMANA SANTA NELLA NOSTRA PARROCCHIA

RitiDellaSettimanaSanta Siamo ormai giunti alla Settimana Santa, conclusione del cammino quaresimale. Oggi, 28 MARZO, inizia la SETTIMANA SANTA con la DOMENICA DELLE PALME e giovedì entreremo nel Triduo Pasquale, i tre giorni santi in cui la Chiesa fa memoria del mistero della passione, morte e risurrezione di Gesù: Giovedì Santo, Venerdì Santo e Sabato Santo. - Cercheremo di vivere questi giorni nel raccoglimento e nella preghiera.
In vista delle imminenti festività, In questi giorni ognuno di noi è invitato a celebrare il sacramento della Riconciliazione (o Confessione), per poter partecipare con maggiore frutto alla Santa Pasqua.
Il LUNEDI’ e il MARTEDI’ SANTO, in chiesa non ci sono “funzioni liturgiche” particolari;

Il MERCOLEDI’ SANTO nella mattina, i sacerdoti,con i fedeli che vi possono partecipa anche dalle varie parrocchie, si troveranno nella Chiesa Cattedrale a Volterra attorno al Vescovo, per celebrare la “Messa crismale”, nella quale vengono benedetti il sacro Crisma che serve per il Battesimo e per la Cresima, l’Olio dei catecumeni che serve per il Battesimo e l’Olio degli infermi.
Questi Oli verranno adoperati in tutto l’anno per i Sacramenti del Battesimo, della Confermazione, delle Ordinazioni sacerdotale e dell’Unzione degli Infermi. Durante la Messa crismale, avviene anche il rinnovo delle promesse sacerdotali. Nel mondo intero, ogni sacerdote rinnova gli impegni che si è assunto nel giorno dell’Ordinazione, per essere totalmente consacrato a Cristo nell’esercizio del sacro ministero a servizio dei fratelli.


IL GIOVEDÌ SANTO è il giorno in cui si fa memoria dell’istituzione dell’Eucaristia e del Sacerdozio..
Nel pomeriggio del Giovedì Santo inizia effettivamente il Triduo pasquale, con la memoria dell’Ultima Cena, nella quale Gesù istituì il “Memoriale della sua Pasqua”: secondo la tradizione degli Ebrei Gesù si radunò a mensa nel cenacolo per la festa della Pasqua ebraica, mangiò l’agnello arrostito, facendo memoria della liberazione degli Israeliti dalla schiavitù d’Egitto; e, consapevole della sua morte imminente, vero Agnello pasquale, offrì sé stesso per la nostra salvezza
Pronunciando la benedizione sul pane e sul vino, Egli istituì ‘Eucaristia e volle, così. che iniziasse la sua presenza in mezzo ai discepoli: sotto le specie del pane e del vino - Da allora, in ogni celebrazione eucaristica, quella che noi chiamiamo “la Mesa”, Egli si rende presente in modo reale col suo corpo e col suo sangue.
- Durante l’Ultima Cena, gli Apostoli vennero “consacrati” ministri (sacerdoti) di questo Sacramento di salvezza; ad essi Gesù lavò i piedi invitandoli ad amarsi gli uni gli altri come Lui li aveva amati, dando la vita per loro.
UltimaCena
******Il Giovedì Santo, infine, si conclude con l’Adorazione eucaristica, nel ricordo dell’agonia del Signore nell’orto del Getsemani: lasciato il cenacolo, Egli si ritirò a pregare il Padre, con tre suoi discepoli che si addormentarono lasciandolo solo, poi arrivò il “traditore”…..
Per questo Gesù al termine della Messa di oggi viene portato solennemente in un altare in mezzo ai fiori e ai lumi, per l’adorazione dei fedeli che Gli tengono compagnia: l’adorazione si prolungherà fino alle ore 21,30 e poi continuerà il giorno dopo fino alle ore 17.

IL VENERDÌ SANTO, Faremo memoria della passione e della morte del Signore; adoreremo Cristo Crocifisso, parteciperemo alle sue sofferenze con la penitenza e il digiuno. -- Accompagniamo quindi nel Venerdì Santo anche noi Gesù che sale il Calvario, e in quella “Celebrazione dell’Adorazione della Croce”, con inizio alle ore 17, potremo anche ricevere la Santa Comunione.. *****Alle ore 21,00 faremo la VIA CRUCIS fuori della chiesa con questo percorso: scalinata della chiesa, Via Verdi, Piazza XX Settembre, via San Martino,Piazza del Plebiscito (”Padella”), Cripta, mezza scalinata, Chiesa.


IL SABATO SANTO: è il giorno di attesa della Resurrezione di Gesù….
tutto l’Anno Liturgico che è molto bella e caratteristica: Nella notte del Sabato Santo, con inizio alle 22,30 celebreremo la solenne Veglia Pasquale, nella quale ci sarà annunciata la risurrezione di Cristo, la sua vittoria definitiva sulla morte.. Partecipiamo a questa santa Veglia, centro di TUTTO L’Anno Liturgico. Benediremo il Fuoco, il Cero Pasquale, benediremo l’acqua per il Battesimo e faremo memoria del nostro Battesimo, nel quale anche noi siamo stati sepolti con Cristo, per poter con Lui risorgere. ******Nel rivivere il santo Triduo Pasquale, disponiamoci ad accogliere anche Gesù nella nostra vita.

Don Secondo

Rassegna vecchi articoli..

IL CAMMINO DELLA NOSTRA VITA

IL CAMMINO DELLA NOSTRA VITA

IL CAMMINO DELLA NOSTRA VITA

In questi giorni di “fine anno” e dell’inizio di un anno nuovo è giusto che noi pensiamo più di sempre al valore della nostra vita e a quanto essa è preziosa. Ringraziamo Dio per tutto quello che siamo, per i suoi doni, e soprattutto perché ci siamo ancora. Per riflettere sul valore e sulla preziosità della vita, e su come dobbiamo viverla e impiegarla, propongo le parole bellissime di Santa Madre...

Read more
LA BENEDIZIONE PASQUALE DELLE FAMIGLIE È UNA ANTICA TRADIZIONE DELLA...

LA BENEDIZIONE PASQUALE DELLE FAMIGLIE È UNA ANTICA TRADIZIONE DELLA...

LA BENEDIZIONE PASQUALE DELLE FAMIGLIE È UNA ANTICA TRADIZIONE DELLA...

Attraverso questa Benedizione il Sacerdote visita le famiglie portando la pace di Gesù: per questo egli si incontra con i suoi Parrocchiani per meglio conoscerli: è un incontro di famiglia tra persone che si riconoscono, si salutano e si accolgono nel nome del Signore Gesù. Il simbolo dell'acqua benedetta ricorda il Battesimo e gli impegni e i doveri della vita cristiana. Quindi la Benedizione non...

Read more
Il Padre Nostro a Messa: ci prendiamo le mani? Le alziamo?

Il Padre Nostro a Messa: ci prendiamo le mani? Le alziamo?

Il Padre Nostro a Messa: ci prendiamo le mani? Le alziamo?

Queste pratiche non sono esplicitamente proibite nel Messale, ma non corrispondono nemmeno a una sana liturgiaLa pratica di prendersi per mano al momento di recitare il Padre Nostro deriva dal mondo protestante. Il motivo è che i protestanti, non avendo la Presenza Reale di Cristo, ovvero non avendo una comunione reale e valida che li unisca tra loro e con Dio, considerano il gesto di prendersi per...

Read more
Orario delle Sante Messe
Video Parrocchia
Gli Scout a Poggi Lazzaro
50 anni insieme